PRIGIONIERA VOLONTARIA – Il diario di una crocerossina dopo Caporetto

“A ventitré anni Paola di Colloredo Mels è crocerossina nell’ospedale di Toppo Wasserman dove la madre Costanza era ispettrice udinese della Croce Rossa Italiana. Quando con Caporetto gli ospedali intorno a Udine furono svuotati, rimasero circa 500 malati e feriti intrasportabili, Costanza e Paola decisero di rimanere ad assisterli perché la gran parte dei medici e infermieri erano fuggiti.

Portando cibo e medicine, a spese proprie, ai circa 2.000 ricoverati abbandonati nell’ospedale del Seminario nei giorni della ritirata e dell’occupazione, Costanza e Paola salvarono la vita ad alcune centinaia di soldati. Il diario racconta la loro coraggiosa volontà di rimanere a Udine per dare un significato profondo e concreto al proprio senso di responsabilità e di dovere, al di là dell’interesse personale.”
 

Prigioniera volontaria. Il Diario di una crocerossina dopo Caporetto

Autore: Paola di Colloredo Mels
Prefazione e cura: Tomaso Ricardi di Netro

Commenti chiusi